GUIDONIA – Convoca la commissione via WhatsApp ponendo il quesito al contrario, «fatemi sapere chi non c’è» dando per scontato che lui ci sarà. Alessandro Cocchiarella non rinuncia alle riunioni settimanali della commissione Ambiente, soprattutto non è disposto a lasciare il gettone di presenza. Per by-passare le stringenti regole dei decreti Conte, che impongono le distanze di almeno un metro, ha deciso di spostare l’adunanza in aula consiliare. Dove oggi alle 14.00, è il tam tam che viaggia in questi minuti sui telefoni dei consiglieri membri della commissione, ci sarà solo lui. Sicuramente nessuno delle minoranze. Il presidente Cocchiarella, insomma, si autoconvoca, si registra, verbalizza l’unica presenza (la sua) e la valida ai fini della liquidazione del gettone. Grazie al regolamento, o meglio alle regole non scritte nel regolamento e lasciate alla interpretazione, il gettone a Guidonia è garantito anche se la seduta non è valida per mancanza del numero legale e la discussione salta. Circostanza che capita sovente e quando invece si tiene il più delle volte si parla di aria fritta.

In tempi di Covid-19 le altre commissioni sono di fatto sospese. Il presidente del consiglio comunale, Angelo Mortellaro, non ha ritenuto di diramare alcuna nota formale indirizzata ai capigruppo, dando per pacifico il buon senso di ciascuno a rinviare ogni discussione dei punti calendarizzati nel mese di marzo. Tra l’altro, fa notare Giovanna Ammaturo consigliere comunale di Fratelli d’Italia e membro della commissione Ambiente, l’amministrazione ha appena ultimato la sanificazione degli spazi esterni a Palazzo Guidoni, che dovrebbe rimanere chiuso alle presenze superflue in piena emergenza sanitaria, a tutela di coloro che all’interno dell’Ente sono costretti a recarsi per motivi di lavoro.

Ma i 5Stelle sembrano non capire il refrein che recita «IoRestoACasa» e vale per tutti, per i parlamentari e chiunque ricopra incarichi istituzionali. I rumors raccontano di un Mortellaro imbufalito per non essere stato informato della bravata Cocchiarella. La richiesta di utilizzo della sala consiliare va infatti avanzata al presidente del consiglio e per informazione, al sindaco Michel Barbet, anche lui all’oscuro. Robe da matti anche in tempi di Coronavirus: i 5Stelle non si smentiscono mai.

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.