GUIDONIA – Si chiama Amalia Cesareo e arriva da Cassino (Frosinone). Di professione fa l’architetto e da un paio d’anni ha preso in mano la gestione del ciclo dei rifiuti in città. Prima come assistente al Rup (Responsabile unico del procedimento) adesso (la determina d’incarico è di qualche giorno fa) come direttore dell’esecuzione del contratto per i servizi di smaltimento/recupero di tre tipologie di rifiuti: umido, frazione indifferenziata, plastica e multimateriale. Una specifica competenza, emersa da una terna di professionisti selezionata dal settore Ambiente qualche giorno fa, che proietta il professionista ancora di più nel motore del servizio dei rifiuti solidi urbani. Di cui si occupa comunque ininterrottamente dal 2018 nella veste di consulente per il Comune di Guidonia Montecelio. Tecnicamente, l’incarico svolto è stato quello di assistente al Rup che dovrebbe essere (ancora?) Alberto Latini, funzionario all’Ambiente. Colui che a pieno titolo avrebbe dovuto firmare la relazione sul nuovo appalto dei rifiuti invece affidata a Cesareo. Proprio l’architetto, nel documento «Ricorso al Tar del Lazio proposto dalla Tekneko Srl contro Comune di Guidonia Montecelio e Cuc IX Comunità del Lazio » (ECCOLA: RELAZIONE TECNICA ALLEGATA AL RICORSO), nella veste di perito di parte, a metà luglio, aveva fornito la linea difensiva dell’Ente nel giudizio pendente presso la giustizia amministrativa. La società avezzanese ha denunciato gravi irregolarità nel nuovo appalto sul ciclo integrato dei rifiuti in corso alla Cuc (Centrale unica di Committenza della IX Comunità montana), procedura ora sospesa su disposizione del Tar del Lazio in attesa della pronuncia di merito attesa per martedì 4 agosto. Guidonia, bando scritto coi piedi, Tekneko trascina il Comune al Tar per l’annullamento della gara sui rifiuti.

Una relazione choc che dà per scontata e legittima l’imminente entrata in funzione del Tmb dell’Inviolata. Ne deriva che il Comune di Guidonia Montecelio, da Cesareo rappresentato, dà l’impianto per acquisito. Solo il sindaco grillino Michel Barbet continua invece a negare l’eventualità di un Tmb funzionante. Lasciando intendere l’esistenza di margini per annullare tutto. Continuano le bugie e le omissioni dei 5Stelle.

LEGGI ANCHE: Guidonia, il Tmb presto in funzione con tariffe congrue, al Tar il Comune si difende così contro Tekneko

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.