GUIDONIA – I proventi delle sanzioni stradali non saranno utilizzati per la manutenzione delle disastrate strade cittadine, ma in acquisti per le più disparate esigenze degli uffici della Polizia municipale. E per finanziare il lavoro straordinario del vigili. Mobilio nuovo, materiale di cancelleria e informatico, assistenza sui mezzi in dotazione al Corpo, così verranno impiegate le somme, pari a 300mila, frutto delle multe elevate nel corso del 2018. Lo ha deciso la giunta pentastellata con la delibera approvata lo scorso 4 febbraio. Le strade colabrodo non sembrano proprio essere la priorità, è la denuncia di Giovanna Ammaturo, consigliere comunale d’opposizione,  che contesta la scelta di investire le somme per autofinanziare l’attività della Polizia municipale.

«Con quell’atto scritto in burocratese – dichiara Ammaturo in una nota stampa –  hanno stabilito che detratti 83mila euro per “Fondo crediti di dubbia esigibilità entrate da sanzioni al codice della strada”, il rimanente pari a 216.997,50, esattamente diviso in due parti, sia così utilizzato. Quanto a 108.498,75 che restano al Comune di Guidonia Montecelio per effetto della legge 285 del ’92 art 208 comma 4: ¼ destinato all’ammodernamento della segnaletica, e ¼ per il potenziamento attività di controllo e acquisto mobilio, automezzi ed attrezzature pari a 27.124,49 cadauno. Il restante per euro 54.249,38 sarà così destinato: 8.500 per cancelleria, 4.000 per materiale informatico, 16.000 assistenza mezzi, 11.000 lavoro straordinario, 2.600 per oneri riflessi , esercitazioni tiro, ponte radio. Nulla per la cura asfalto da tutti reclamata, alla manutenzione ordinaria, alla sicurezza di piste e per i bambini».

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.