GUIDONIA - La proroga concessa a un contratto che non esiste. Una maggioranza consiliare (5Stelle) che non si assume la responsabilità statutaria di votare una variazione di bilancio indispensabile a coprire i costi finanziari di quella proroga fino al 2019. Un consiglio comunale esautorato dei poteri, sopratutto nella parte minoritaria rappresentata dalle opposizioni. È un vero colpo di mano quello che va in scena nell’assemblea dello scorso 29 giugno. Simile, per portata storica (e politica), alla variante urbanistica mai arrivata in aula (e decisa di giunta) relativa alla celeberrima fogna di Terranova Vs Consorzio dell’Inviolata all’interno del complesso edilizio Collina...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - Michel Barbet e le opere degli #altri. Non è la prima volta che il sindaco 5Stelle, con la grancassa solita della propaganda grillina, annuncia l’apertura di opere pubbliche che non ha contribuito nemmeno a immaginare. È successo con il primo asilo comunale di via della Pietrara, con la scuola di Marco Simone, oggi con il parcheggio di Montecelio. Lui taglia nastri e si prende il merito. Grazie alla continuità amministrativa si dirà, che gli consegna la parte meno difficile, il lavoro lo hanno fatto gli #altri. Ultimo caso, il parcheggio di Montecelio, la cui apertura prossima è stata annunciata dal...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - Uno stallo dal quale non si esce è il pensiero di imprenditori e sindacati. Il tavolo di concertazione continua a non fare passi in avanti, e anche il mancato incontro davanti all’assessore regionale Gian Paolo Manzella, delegato allo sviluppo economico, un paio di volte annunciato e altrettante rinviato, l’ultima (mercoledì 27 giugno) a data da destinarsi, non contribuisce a generare ottimismo tra le parti. L’esito della grave crisi in cui versa il comparto estrattivo sembra insomma già scritto. E in negativo. Si va verso la dismissione delle attività. La proposta di Manzella di un documento per superare le divergenze...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - Tranquilli. Guidonia non è una città di ludopatici, né “si aggiudica il primato delle giocate con ben 70milioni l’anno” come sostiene a mezzo stampa il consigliere comunale 5Stelle Claudio Caruso, promotore di un regolamento contro il gioco d’azzardo inefficace (inutile) ai fini dei provvedimenti che, il sindaco Michel Barbet, dovrà adottare per limitare gli orari di accesso nelle sale scommesse. È semplice questione statistica che, forse, il consigliere mal comprende, perché affermare che 70milioni darebbero a Guidonia il primato sull’importo totale delle giocate (si presume nel Lazio seconda regione dove si spende di più) è una falsità pericolosa e fuorviante...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - La fantasia al governo ha le sue resistenze e i 5Stelle si adeguano. Così, nel solco della creatività amministrativa che fu di Eligio Rubeis, la giunta pentastellata dice addio all’ultimo centralinista dell’Ente, trasformato con delibera personalizzata nell’ennesimo "collaboratore amministrativo". Un cambio di profilo professionale reso possibile grazie all’esistenza dell’immaginifico Regolamento dell’accesso all’impiego, approvato dall’esecutivo di centrodestra nel 2012 quale “costola” del Regolamento sul funzionamento degli uffici e dei servizi, modificato nell’agosto del 2013 (su proposta dell’allora assessore al Personale Antonio Tortora) con la introduzione dell’articolo 25bis, a cui ancora oggi la giunta Barbet attinge per giustificare, sotto il profilo...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - Quattordici mila euro (circa) di presunte entrate per oneri di concessione derivanti da alcuni impianti sportivi comunali. Somme regolarmente iscritte nel bilancio di spesa per l’anno corrente, anche se la prova materiale che esse siano realmente nella disponibilità dell’Ente non c’è. Impossibile infatti operare le verifiche sui conti correnti del Comune, accertare la fondatezza dei bonifici effettuati da una decina di associazioni. Una singolarità, se non una vera anomalia, riportata per esteso nella determinazione 241 del 2 maggio 2018 a firma del dirigente al settore sport Domenico Nardi. Che nell’atto denuncia la “impossibilità di accesso da parte del Servizio...

Scopri di piùScopri di più