GUIDONIA - Hanno preso il Comune di Guidonia Montecelio per una porta girevole dalla quale entrare con un contratto (e uno stipendio) da dirigente e poi uscire, a discrezione del sindaco, per 9 ore a settimana sottratte alle funzioni dell’Ente e quindi alle esigenze dei cittadini. Michel Barbet ha firmato ieri l'altro (4 luglio)  il decreto che consente a Paolo Cestra, figura apicale a tempo determinato (assunto con contratto triennale nel 2017 grazie a selezione curricolare anch’essa discrezionale e fiduciaria), di lavorare (anche) nel Comune di Guarcino, provincia Di Frosinone. Mantenendo le piene indennità dirigenziali (105mila euro all’anno) erogate da...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - Guadagnerà 108mila euro dal 1 giugno 2018 al 31 maggio 2020. Poco più di 50mila euro lordi l’anno per una consulenza che certamente non lo inchioda alla scrivania 8 ore al giorno. Non che il curriculum faccia difetto, è di tutto rispetto e la professionalità si paga. Anche nell’era dei 5Stelle al governo della città, che dei tagli ai costi della politica (e della burocrazia) hanno fatto il cavallo di battaglia. Ma le cose non basta dirle, occorre farle e quando si governa è assai difficile rispettare i buoni propositi se la realtà la disegna il mercato. Ecco allora che...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - Nessun'opera pubblica, buche voragini e degrado urbano all'acme, nel nascondere la polvere sotto il tappeto  l'amministrazione 5Stelle è sempre più  reginetta di omissioni e artifizi comunicativi. Prendi l'assessore alle Finanze Alessandro Alessandrini. In un video flop (lo hanno visto meno di 4mila persone) l'esperto dei conti del Comune di Guidonia Montecelio, annunciava 49 milioni di euro pagati ai creditori. Peccato che la metà (circa) fossero destinati ai dipendenti comunali nell'attesa (mensile) di stipendi e versamenti contributivi. Mi faccia il piacere direbbe Totò. Se fosse in vita, con linguaggi alla Guida, tirerebbe magari in ballo la presa per i...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - La proroga concessa a un contratto che non esiste. Una maggioranza consiliare (5Stelle) che non si assume la responsabilità statutaria di votare una variazione di bilancio indispensabile a coprire i costi finanziari di quella proroga fino al 2019. Un consiglio comunale esautorato dei poteri, sopratutto nella parte minoritaria rappresentata dalle opposizioni. È un vero colpo di mano quello che va in scena nell’assemblea dello scorso 29 giugno. Simile, per portata storica (e politica), alla variante urbanistica mai arrivata in aula (e decisa di giunta) relativa alla celeberrima fogna di Terranova Vs Consorzio dell’Inviolata all’interno del complesso edilizio Collina...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - Tranquilli. Guidonia non è una città di ludopatici, né “si aggiudica il primato delle giocate con ben 70milioni l’anno” come sostiene a mezzo stampa il consigliere comunale 5Stelle Claudio Caruso, promotore di un regolamento contro il gioco d’azzardo inefficace (inutile) ai fini dei provvedimenti che, il sindaco Michel Barbet, dovrà adottare per limitare gli orari di accesso nelle sale scommesse. È semplice questione statistica che, forse, il consigliere mal comprende, perché affermare che 70milioni darebbero a Guidonia il primato sull’importo totale delle giocate (si presume nel Lazio seconda regione dove si spende di più) è una falsità pericolosa e fuorviante...

Scopri di piùScopri di più