GUIDONIA – «La ricostruzione della vicenda da parte della giornalista Elisabetta Aniballi ci porta ad una sola conclusione: questa amministrazione continua a far danni, e a confermarsi come una delle peggiori di sempre per la nostra città». È netto il giudizio di Adalberto Bertucci e Giulia Turturo, candidati al consiglio comunale di Guidonia Montecelio per Fratelli d’Italia, in merito alla vicenda descritta dalla giornalista sul suo sito, relativa “agli indennizzi ai vecchi proprietari per una antica storia di mancato perfezionamento della procedure di esproprio. I terreni oggetto del contenzioso sono quelli di via Rosata a Colle Fiorito dove, alla fine degli anni ’70 del secolo scorso, l’Istituto case popolari (Iacp) in convenzione con Comune e Regione Lazio costruì alloggi per decine e decine di famiglie sotto la soglia di povertà (…) Il verbo definitivo, purtroppo per l’amministrazione Pd e M5S, l’ha invece messo il Tribunale amministrativo del Lazio (Tar), la cui declinazione all’infinito presente è pagare”,  si legge nel sito elisabettaaniballi.com. Si parla di un conto salato per il Comune di Guidonia Montecelio, pari a circa 18 milioni di euro. «Troviamo assurdo leggere anche questa volta di errori, omissioni, bugie, addirittura della rinuncia a difendersi con il non costituirsi nel giudizio amministrativo. Una inerzia che è offensiva verso l’intera città, che pagherà anche questa volta la leggerezza, chiamiamola così, dei suoi amministratori. Una leggerezza che, per fortuna, vede sempre più vicina la parola fine, con le elezioni amministrative prossime che andranno a riconsegnare la città alla competenza del nostro centrodestra del candidato sindaco Alfonso Masini», chiudono Turturo e Bertucci.

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.