GUIDONIA – Dal M5S al Partito democratico cambiano gli assessori ma non certe abitudini. La democrat Rosaria Morroi, come il predecessore stellato Elisa Strani, da inquilino della Cultura e Pubblica istruzione, continua a prediligere lo «Spettacolissimo» della ditta individuale di Anzio e gli affidamenti sotto soglia. Gli appalti assegnati in via diretta perché di importi inferiori ai 40 mila euro. Così, la anche determina (ultima) la numero 104 del 29 novembre 2021 (ECCOLA) di affidamento dei servizi delle luminarie natalizie riprende la formula della «lettera a) del comma 2 dell’articolo 36 del decreto legislativo 50 del 2016 (codice degli appalti ndg)» che così recita: «Le stazioni appaltanti possono procedere mediante affidamento diretto anche senza previa consultazione di due o più operatori economici». Normativa diventata di riferimento già un anno fa per Elisa Strani (l’assessore avvocato oggi pure vicesindaco). Che con determina 75 del 4 dicembre 2020 ( LEGGI QUI) acquisiva fornitura e noleggio delle solite luminarie natalizie. Davvero singolare, poi, è il fatto che a beneficiare dell’appalto per due anni di fila sia lo stesso soggetto giuridico. Lo «Spettacolissimo» di Lauri Donato, sede legale a via della Fornace 101 nel Comune di Anzio, ditta davvero prediletta dalle signore culturali oltre i colori politici. Forse perché la società passa dalle luminarie natalizie alla fornitura settembrina di server audio, con l’aggiunta di sedie e piani per la sicurezza. Così era stato in occasione di «Arena in Comune», kermesse cinematografica organizzata dal Comune di Guidonia Montecelio nel periodo 22-26 settembre 2021 e con un finanziamento regionale di 9.900 euro, di cui 7.250 (onnicomprensivi) andati a Lauri Donato per i servizi di cui sopra. Ancora grazie ad un affidamento ex articolo 36, comma 2, lettera a) del dlgs 50 del 2016, disposto con determina numero 9 del 5 settembre 2021 dal dirigente di settore Carola Pasquali. Somma liquidata d’urgenza con atto del 30 settembre 2021 ( Determina numero 187). Una proceduta di impegno e liquidazione di spesa risolta nel corso di un mese e con tempi eccezionali per l’amministrazione comunale. Tant’è.

Al di là delle procedure semplificate per l’affidamento di beni e servizi, il cui uso era perennemente nel raggio della critica dei 5Stelle quando non governavano, a conti fatti, le luminarie del 2020 portavano alla ditta un guadagno di 39.040,00 euro iva inclusa: un pelo sotto i 40mila fissati per legge. Nel 2021 ne incasserà 46.360 (ancora inclusa l’iva). Con tre appalti acquisiti direttamente nel corso di un anno solare, la società d’interesse ha guadagno con il Comune di Guidonia Montecelio 93mila euro. Nella determina 104 del 29 novembre 2021, si legge comunque che una manifestazione d’interesse tra più operatori c’è stata. Che «Spettacolissimo» sarebbe però l’unica ditta contattata «ad aver presentato l’offerta economica rispetto alle altre 12 specializzate alle quali l’amministrazione ha richiesto un preventivo». Agli atti della procedura risulterebbe inoltre che tra le altre 12 società, in particolare, la «Metalux Srl» avrebbe comunicato al Comune «di non avere interesse rispetto alla manifestazione di interesse avviata dall’Ente», mentre la «Idroservice Luminare»  di «non poter fornire, in questo periodo, luminarie natalizie ma solo sole piste del ghiaccio». Per tali ragione la scelta sarebbe ricaduta sulla solita «Spettacolissimo». L’impresa che a breve installerà le luminarie nelle principali strade del territorio comunale, coprendo il Natale 2021 dei guidoniani e un percorso di circa 8,2 chilometri.

 

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.