REGIONE – Secondo i sondaggi commissionati dal quotidiano La Stampa e pubblicati oggi, nel Lazio i 5Stelle (che candidano la ex parlamentare Roberta Lombardi) sarebbero in leggero vantaggio sul governatore uscente Nicola Zingaretti. Il quotidiano torinese parla comunque di un “attuale presidente, Nicola Zingaretti, in generale ben voluto dalla popolazione: in questi anni ha governato bene la regione senza fare troppo rumore. Tuttavia, messo a confronto con gli altri candidati, Zingaretti non esce vincitore su tutti”.  

Dai numeri forniti dall’istituto demoscopico, Zingaretti, nella comparazione, “sconfigge nettamente Maurizio Gasparri (40% contro 21) e anche l’altro esponente del centrodestra, Sergio Pirozzi (34% contro 29), attuale sindaco di Amatrice. Non se la cava bene, invece, contro Roberta Lombardi: in questo caso c’è un “testa a testa” in cui la candidata del Movimento Cinque Stelle risulta essere marginalmente vincitrice (36% contro 34). Quanto alla stessa candidata grillina, risulta fortemente vincente su Gasparri (36% contro 24) e batterebbe anche Pirozzi (35% a 29). Dunque, nel Lazio situazione fortemente incerta che, è prevedibile sostenerlo, si risolverà solamente con l’ultimo voto inserito nell’urna il giorno delle elezioni”. Zingaretti  e il Pd, alla ricerca di un consenso più largo, lavorano in queste ai termini di accordo da siglare con Liberi e Uguali di Aldo Grasso.

LO STALLO NEL CENTRODESTRA

Silvio Berlusconi continua a chiedere Sergio Pirozzi di abbandonare la corsa, da settimane un nodo che sta impedendo al centrodestra di trovare un candidato condiviso: l’ex sindaco di Amatrice ha più volte spiegato le ragioni per cui un suo passo indietro è impossibile se non davanti alla candidatura di Giorgia Meloni, la leader nazionale di Fratelli d’Italia, che però ha già detto di non essere disponibile (anche se i “segretissimi” sondaggi commissionati da Nicola Zingaretti la darebbero come l’unica in grado di battere il governatore uscente”. Risultato: a meno di due mesi dalle elezioni regionali il centrodestra non ha ancora un nome spendibile per la presidenza, l’unica certezza (ancora) è che la scelta sarà di Forza Italia. Dopo l’assegnazione della Lombardia al candidato della Lega, nello scacchiere delle candidature, il Lazio è naturalmente in quota azzurra. In questo contesto di incertezza, sembra comunque certo che il nome del candidato presidente uscirà da una rosa composta da Maurizio Gasparri, parlamentare ex forzista preferito da Silvio Berlusconi; Gennaro Sangiuliano, giornalista vicedirettore del Tg1 nelle grazie di Antonio Tajani, presidente del Parlamento Europeo e capo della corrente forzista che più pesa nel Lazio; Sergio Pirozzi, sindaco di Amatrice, che secondo molti alla fine potrebbe correre per tutti. Il nodo attende di essere sciolto.

 

 

 

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.