MENTANA – Ha anche lanciato una petizione su Change.org a sostegno dell’azione giudiziaria intrapresa che in questo momento ha raggiunto oltre 600 adesioni. L’avvocato mentanese Francesco Petrocchi, consigliere comunale della Lega, in qualità di cittadino tenuto a difendere i confini nazionali (articolo 52 della costituzione), con un esposto ha chiesto alle Procure di Agrigento e Palermo di valutare eventuali responsabilità penali, a titolo di concorso, per i parlamentari della sinistra che nei giorni scorsi erano presenti sulla Sea Watch 3. «Sebbene il Procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio lo abbia già escluso – scrive Petrocchi – chiedo che le autorità indaghino e verifichino se nelle condotte di Matteo Orfini, Graziano Delrio, Nicola Fratoianni, Riccardo Magi e Davide Faraone  siano ravvisabili a titolo di concorso o in maniera autonoma i reati di resistenza contro nave da guerra, resistenza a pubblico ufficiale, istigazione a delinquere e inosservanza di provvedimento dell’autorità».  L’avvocato è convinto che per «la obbligatorietà dell’azione penale, la magistratura dovrà aprire un fascicolo e dar conto formalmente delle proprie ragioni in merito».

Una azione giudiziaria che potrebbe risultare fondata proprio alla luce di quanto rivelato oggi in conferenza stampa dal Procuratore di Agrigento, che ha chiesto la convalida dell’arresto per Carola Rackete per «atti di resistenza con violenza nei confronti di una nave da guerra individuata nella motovedetta della Guardia di Finanza e per resistenza a pubblico ufficiale». La Procura non crede che i migranti minacciassero il suicidio, davanti al al Gip di Agrigento che oggi l’ha ascoltata nell’interrogatorio di garanzia, Rackete ha rivendicato ogni scelta fatta dal 12 giugno, giorno che a largo della Libia ha soccorso i migranti, fino alla notte del suo arresto, domenica scorsa, quando per l’ultima volta ha violato i divieti della Guardia di Finanza ed ha attraccato di forza al molo di Lampedusa. A bordo c’erano il suoi «complici» parlamentari? Petrocchi ne è convinto.

 

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.