Guidonia – Il consiglio comunale straordinario sulla sicurezza urbana trasformato in una farsa, i consiglieri del Nuovo Polo Civico annunciano di volere rinunciare al gettone di presenza previsto per la partecipazione a «questo non consiglio», dove, nella giornata di giovedì 10 marzo, «si è consumata una vera e propria farsa e il fatto che sia avvenuta durante una seduta di consiglio comunale rende il tutto ancora più inaccettabile», scrivono in una nota stampa.

«Alla richiesta di stilare un documento condiviso in tema sicurezza, appello che riteniamo tardivo e inconcludente – spiegano – è seguita una vera e propria passerella elettorale con un imbarazzante e continuo siparietto messo in piedi da grillini ed ex grillini.
L’unico fatto politicamente apprezzabile è che, nel corso della settimana, si è deciso di trovare nel sindaco Michel Barbet il capro espiatorio di una stagione politico-amministrativa inconcludente e di non ricandidarlo  alla guida dell’alleanza PD-M5S. Due partiti, ricordiamolo, che nella precedente tornata elettorale si erano duramente contrapposti e che aveva poi visto sconfitto il piddino Emanuele di Silvio.

Leggi anche  In aula è Claudio Caruso show, il consiglio comunale preso per un palcoscenico

«Come Consiglieri del Nuovo Polo Civico – concludono – scegliamo di dissociarci da questo modo di fare e rappresentare gli interessi e le preoccupazioni della collettività e, pertanto, provvederemo a ufficializzare al presidente del consiglio la nostra rinuncia al gettone di presenza previsto per la partecipazione a questo “non-consiglio comunale”».

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.