GUIDONIA – Lo strappo era nell’aria, per settimane il vice presidente del consiglio comunale è rimasto in bilico poi, la decisione è arrivata e porta Alessandro Toro a schierarsi alle prossime elezioni comunali con il fronte civico di Claudio Zarro, altro ex eccellente del M5S, ma anche lontano dalla maggioranza pentademocratica, «gli ultimi eventi mi portano a lasciare il gruppo consiliare». I rumors di Palazzo riferiscono comunque di interlocuzioni andate avanti fino all’ultimo momento utile anche con il centrosinistra. I«progressisti»(Pd e M5S) che sostengono la candidatura a sindaco di Alberto Cuccuru avrebbero provato a portare Toro dentro Liberi e Uguali, nel tentativo di limitare la migrazione dei consiglieri stellati verso la coalizione avversaria di Uniti in Comune. Invece, le cose sono andate diversamente, e lunedì 9 maggio è arrivato l’annuncio, da Toro affidato ad una nota stampa.
«È doveroso da parte mia informare tutti i cittadini e gli organi di stampa riguardo la decisione di discostarmi dalla linea politica intrapresa dal gruppo M5S che attualmente governa la città di Guidonia Montecelio e di cui fino ad oggi ho fatto parte – scrive Toro -. Se questa mia decisione di uscire dal gruppo arriva solo adesso, è perché fino alla fine ho voluto dare il mio contributo propositivo e concreto affinché venissero portati avanti determinati punti che ritengo importanti per la città ed i cittadini; è stato questo il motivo che mi ha fatto attendere ed ha dettato la tempistica del mio definitivo distacco».
Una lunga serie di incomprensioni
«Le scelte non condivise mi portano ad interrompere qui il percorso intrapreso con il gruppo consiliare del M5S – aggiunge – ultima tra tutte, la modalità con la quale è stato individuato il candidato sindaco della coalizione progressista di csx, che va, a mio avviso, contro ogni principio ispiratore del Movimento stesso. Credo che questa ed altre decisioni abbiano creato una frattura insanabile tra il gruppo M5S di governo guidoniano e buona parte del proprio elettorato. A conferma di questa insanabile frattura, tengo a sottolineare come, oltre al sottoscritto, anche una buona parte degli attivisti non ha condiviso le ultime scelte politiche attuate dal gruppo di governo del M5S locale».
Gli ultimi 5 anni
«Posso dire che in questi 5 anni di consiliatura trascorsi in una forza di maggioranza, oltre ad avere avuto l’onore di potermi cimentare nella risoluzione di molte problematiche in vari settori, sono riuscito ad acquisire una grande esperienza, che spero di poter mettere a servizio di tutta la cittadinanza. Voglio ringraziare tutti i cittadini che fino ad oggi mi hanno supportato ed hanno creduto nel mio lavoro. Sebbene la strada più semplice da seguire poteva essere quella di continuare l’attività politica in seno al M5S – conclude – ritengo sia per me un dovere morale nei confronti dei cittadini rimettermi in discussione con passione e coraggio. Sicuro e forte del loro consenso e della loro comprensione, ho deciso di voler proseguire l’avventura politica aderendo al progetto delle liste civiche di Uniti in Comune per Claudio Zarro sindaco».
AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.