GUIDONIA – Un palazzo diventato una discarica dopo una lunga storia di occupazione abusiva, ora andrà ripulito in ogni parte comune: scale, terrazzo, androne, corridoi. Anche i soffitti dell’ultimo e penultimo piano, «anneriti» a seguito di un incendio scoppiato in precedenza e che «versano in condizioni pietose» dovranno essere riportati in una condizione di decoro. I proprietari, una decina, identificati attraverso una ricerca sulle unità immobiliari e elencati con le generalità nel provvedimento, dovranno eseguire entro 30 giorni e a proprie spese. Lo stabilisce una ordinanza contingibile e urgente del sindaco di Guidonia Montecelio Michel Barbet, pubblicata ieri 18 marzo sull’albo pretorio online e immediatamente esecutiva.

Il provvedimento è arrivato dopo due sopralluoghi eseguiti dalla polizia municipale nel mese di febbraio e a seguito di sollecitazioni, segnalazioni di alcuni residenti costretti a vivere in un edificio lasciato all’abbandono e al degrado. Lo stabile di via Tiburtina 149 nel quartiere di Villalba, composto da 40 appartamenti già pignorati dal Tribunale, era stato controllato a febbraio del 2018 con tanto di intervento della forza pubblica, dopo che il giudice per le esecuzioni immobiliari, l’anno prima, aveva emesso un decreto di sgombero dello stabile.

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

5 Commenti
  • Ezio Ranieri

    Salve,io sono uno di quei disgraziati de proprietari. Le volevo dire che gli appartamenti sono piu di 40 e non 18′ A febbraio scorso non c e stato alcun sgombero,ma un semplice controllo ,causato da una denuncia esposto penale fatta dall avvocato Saccucci su mandato di 6 proprietari.. Inoltre ci sono state un innumerevole numero di chiamate ,interventi delle forze dell ordine per situazioni di perocolo. A lei non l ho mai sentita intervenire su questo palazzaccio,e se vuole sapere qualcosa di piu,io sono qua. Mi sono rivolto a tutti in questi anni,pure a Casapound,ma niente. Ora invece come ha risolto il sindaco? Che noi disgraziati,dobbiamo pagare i danni causati da esseri che le istituzioni pubbliche non hanno minimamente contrastato,pemettendogli di fare tutto il loro porcio comodo. Un saluto

    Marzo 20, 2019
  • ezio ranieri

    io la ringrazio per la sua gentilezza,perche’ sa,in momenti come questi un cittadino onesto e’ lasciato solo dalle istituzioni.E poi lechiedo: nell’ordinanza c’e’ scritto,che in 30 giorni i proprietari devono accollarsi l’onere di ripulire. Ora,una persona mediamente intelligente,si chiede: ma come possono pensare di ripulire se lo stabile continua a essere occupato abusivamente da famiglie di zingari?E non le dico che cosa sono in grado di fare. Inoltre le chiedo: il sindaco ordina che i proprietari devono pagare ,ma lui ,nonostante continue segnalazioni,non fatto alcunche’ per prendere sotto la sua giurisdizione tutti i minori presenti,che hanno causato tutto il degrado del palazzo,arrivando a urinare e defecare sulle scale.Oltre il danno,anche la beffa. Mi interessava un suo parere,perche per me questa e’ una barzelletta della commedia italiana.Un saluto affettuoso

    Marzo 20, 2019
  • Serena M.

    Ma come si permette noi pochi proprietari viviamo una situazione di disagio noi poveri disgraziati dobbiamo accollarci tutto quando il palazzo è per la maggior parte occupato da zingari delinquenti prostitute e immigrati? Gli zingari danno fuoco e noi dobbiamo rispondere dei danni dopo che le forze Dell ordine sanno bene che cosa succede in quel palazzo e nessuno fa nulla? Ma vi siete impazziti? Pago un mutuo con tasso fisso del 6.05% quando sul mercato potrei averne uno al 2% e tutte le banche si sono rifiutate di farmi la surroga perché il degrado che circonda la mia casa ha svalutato quasi a 0 l immobile. Che cosa è questa ordinanza?

    Marzo 20, 2019
  • serena m.

    non c’è stato nessuno sgombero…

    Marzo 21, 2019

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.