GUIDONIA – Ieri (martedì 16 maggio ) il consiglio comunale straordinario dopo i fatti gravi di Villalba, per il capogruppo della Lega Alessandro Messa si tratta «dell’ennesima messinscena, in cui la maggioranza civica, dopo mille immeritate genuflessioni al sindaco, voleva approvare un atto di indirizzo (per l’attivazione di “Strade Sicure” con l’intervento dell’esercito ndg) per chiedere a Mauro Lombardo di fare ciò che avrebbe dovuto e potuto già fare. Senza, piuttosto, indignarsi che in 10 mesi di consiliatura si sia parlato solo di fototrappole».

Leggi anche  Casi di grave violenza urbana a Villalba, il Comune vuole un presidio straordinario dell’esercito italiano

Messa, attraverso una nota stampa, fa sapere che l’intervento dei militari, richiesto peraltro tardivamente, potrebbe non bastare senza i controlli comunali sull’abusivismo residenziale che ha portato la situazione fuori controllo nel quartiere di Villalba. Proprio un emendamento della Lega all’ordine del giorno poi votato all’unanimità, ora impegna il sindaco e la Polizia Locale a mappare le situazioni di abusivismo residenziale, degli affitti «in nero» che sfuggono alle statistiche nascondendo condizioni di illegalità. La rissa scoppiata a Villalba il 13 maggio scorso, iniziata all’interno di un bar pizzeria tra nordafricani ubriachi e un cittadino rumeno e culminata a bottigliate nella centrale  piazza della Repubblica, è solo l’ennesimo caso di una escalation di violenza che ha investito Villalba negli ultimi anni. «Noi della Lega, partito che rimane all’opposizione di questa amministrazione comunale, abbiamo chiesto ed ottenuto, con un emendamento che parte della maggioranza non voleva, di attivare la Polizia Locale per verificare le residenze, le occupazioni e i contratti di affitto in alcune zone critiche, dove è noto a tutti il sovraffollamento abusivo degli immobili. È il primo e più urgente adempimento che bisognava espletare – aggiunge il leghista -. Anche perché questi controlli sono appannaggio del sindaco e, quindi, di pronta esecuzione. Poi si chieda anche il presidio dell’esercito, tramite l’operazione “Strade Sicure”. Ma se, in primis, non si controlla il territorio, si rischia che ogni ulteriore azione sia sterile».


Simone di Ventura - 720
AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua trentennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.