GUIDONIA – Uno stato di degrado e insicurezza persistente. Dopo 18 mesi di denunce e una ordinanza vicesindacale (Davide Russo) che prevedeva addirittura i daspo giudiziario i Rom sono sempre lì. Non se ne vogliono andare e nessuno li allontana. Giovanna Ammaturo, consigliere di Fratelli d’Italia, impegnata in una battaglia personale e politica per il ripristino di condizioni di vivibilità nella zona, ieri ha effettuato l’ultimo di una serie di sopralluoghi, parlando a  margine di «imbarbarimento morale e civile» al quale l’ amministrazione 5Stelle sta condannando la città.

Le aree interessate dal fenomeno sono quelle delle strade di collegamento dalla Tiburtina al  nuovo comprensorio industriale Pip tra Albuccione e Setteville. «Una zona su cui insistono opifici di livello internazionale – spiega Ammaturo – in cui è normale incontrare diplomatici o gruppi di acquisto. Non fa folklore transitare tra scarpate dove l’erba è coperta di detriti, dove le piazzole di sosta per gli autotreni sono cumuli di immondizia e diventano falò notturni. In cui le cassette dell’ortofrutta sono disseminate quanto la plastica di ogni tipo insieme alle scocche degli elettrodomestici». C’è anche il paradosso di una misura cautelare ai domiciliari disposta dal magistrato per un indagato sinti in una roulotte che non può lasciare l’area sosta. Il vice sindaco Russo, il firmatario della ordinanza beffa, l’assessore alla sicurezza e alla legalità «scarica le responsabilità sulle istituzioni nazionali sottovalutando i poteri e le deleghe prefettizie in capo al Sindaco Michel Barbet. Senza contare – conclude il consigliere – il costo non solo sociale dell’abusivismo e del degrado. «Smaltire ogni discarica costa 300 euro al Comune di Guidonia Montecelio. Chi Paga?. Ma soprattutto, quale benefattore sarà disposto ad acquistare i lotti messi in vendita dall’Ente in quel contesto così degradato?».

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.