IL CASO – Il Nomentana Hospital rischia di diventare una «bomba sanitaria». Lo dice a chiare lettere Sestino Giacomoni, parlamentare di Forza italia parlando anche di «una possibile strage di anziani» se la sanità regionale non deciderà di agire con tempismo trasferendo altrove i circa 80, tra ospiti e personale sanitario, risultati positivi al Covid-19 e attualmente in quarantena all’interno della Residenza sanitaria assistita che si trova nel Comune di Fonte Nuova, a due passi dal Raccordo Anulare. Anche il sindaco Piero Presutti dorme notti agitate. Oggi giovedì 2 aprile ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Tivoli perché accerti la reale condizione del contagio nella struttura, anche attraverso la somministrazione di tamponi all’intero personale e ai 350 ricoverati. Il problema è evidente: la struttura sanitaria privata Nomentana Hospital, secondo il sindaco, non era attrezzata alla gestione di malati Covid. Ma la scorsa settimana si era vista arrivare una cinquantina di anziani provenienti dalla casa di riposo Maria Immacolata di Nerola, tutti positivi al virus. Che sono andati ad aggiungersi ai 22 malati, 18 pazienti e 4 operatori, già accertati nella struttura dalla Asl Rm5.

Anche la proprietà del Nomentana Hospital ha scritto alla Regione chiedendo il trasferimento dei  50 anziani provenienti da Nerola in altra struttura ospedaliera più attrezzata a trattare l’infezione. Isindacati Cgil, Cisl e Uil, hanno rappresentato la difficile situazione che vive il personale, tra l’altro ancora privo di dispositivi di protezione individuale, temendo che il contagio si allarghi. Perché, sostengono, nessuno al Nomentana Hospital può ricevere le cure adatte. Tutte istanze cadute nel vuoto. La AslRm5, in una nota inoltrata alla proprietà della clinica, ha confermato la scelta di riconversione momentanea della struttura in centro Covid-19, e di lasciare tutti i positivi all’interno. Oggi giovedì 2 aprile è stato presente presso la casa di cura un camper dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani per la sperimentazione del test rapido per il Covid-19.

 

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.