GUIDONIA – Hanno smontato il contatore e apposto i sigilli, se ne sono accorti gli studenti, il personale amministrativo e docente al suono della campanella, così, con la scuola senz’acqua, al dirigente non è rimasto null’altro da fare che mandare tutti a casa.

Un distacco che, è stato accertato nel corso della mattina di oggi venerdì 19 novembre, è stato disposto per morosità. Il Comune di Guidonia Montecelio da almeno un anno non paga le bollette per i consumi di acqua nel plesso di via Trento, istituto comprensivo Alberto Manzi di Villalba che ospita le classi di scuola media, e Acea ha deciso per la sospensione del flusso idrico. Un provvedimento previsto dalle nuove regole introdotte dall’azienda nel 2020 secondo cui se l’utente, nonostante i solleciti e le offerte di un piano di rateizzazione, continua a non pagare le bollette pregresse, arriva la messa in mora e infine il distacco. Anche nei casi come questo in cui l’utenza è da considerarsi tra quelle vulnerabili (famiglie in stato di disagio economico e sociale, scuole, ospedali e case di cura). Ma le nuove disposizioni parlano chiaro: il mancato pagamento di fatture che complessivamente siano superiori a un importo pari al corrispettivo annuo (riferito all’annualità precedente all’anno di costituzione in mora) prevede non la sola diminuzione del flusso ma il distacco.

Ora la domanda è: quante scuole del Comune sono nelle stesse condizioni? Il consigliere comunale del Polo Civico Alessandra Ferri, che stamane era sul posto e ha denunciato il disservizio, parla di situazione sfuggita di mano. Al Comune a guida Pd e M5S solo oggi si sono accorti della morosità, si chiedono genitori e studenti? A Palazzo comunque si sono attivati (tardi) e proprio in questi minuti i tecnici dell’Acea/Areti stanno lavorando per ripristinare il contatore e il flusso idrico. Ma appare chiaro che gli uffici comunali non riescono a stare dietro alle centinaia di utenze a carico dell’Ente  che già in passato hanno rappresentato una forte criticità nella gestione dei conti pubblici. Le ultime morosità sfuggite a qualunque controllo contabile – e definite come debito fuori bilancio dal consiglio comunale un paio di mesi fa – ammontavano «appena» a 4 milioni di euro.   

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.