GUIDONIA MONTECELIO – Una rosa delle civiche sempre più “petalosa”, ieri la nuova lista per Grillo sindaco (Andrea non Beppe) ha fatto la sua comparsa in Rete ormai terreno di promozione di certo civismo fai da te. Il promotore è Andrea Grillo, presidente di una nota associazione sportiva di Villanova, frazione popolosa con i suoi (circa) 20 mila abitanti che proprio di recente ha manifestato intenti scissionisti nell’ambito di un progetto per la creazione di un nuovo comune da costituirsi con Villalba, Tivoli Terme e chiunque ci sta.

Un passaggio ignorato nel programma raccontato, seppur sommariamente, dallo stesso Grillo (Andrea) in una intervista rilasciata al cronista di zona Yari Riccardi per il sito Romaest.org. Inquinamento, problemi dei cittadini, carenze nei servizi, decoro urbano, non una parola però su quella imbarazzante somiglianza, niente adr, a domanda risponde. Le tre stelle in fila (e meno due), l’uso cromatico del giallo e del rosso, il nome ben in evidenza del candidato Grillo evocano e non poco il simbolo del movimento del comico genovese. Anche lo slogan sembra azzeccato, La scelta delle idee.

Ad apparire evidente è la scelta dell’idea di indurre in inganno l’elettorato. È la tecnica della pesca a strascico applicata alla politica, se butti la rete qualcosa tiri su, per esempio il voto di chi non distingue tra due simboli troppo simili. La lista civetta del Grillo de’ noantri è già quotata in cartello con Giorgio La Bianca e le sue Uniti per vincere e Verdi per Guidonia, l’ex consigliere comunale dem che, come si dice, ne sa sempre una più del diavolo ma quasi mai ci azzecca, almeno nelle previsioni elettorali.

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.