GUIDONIA – Quattordici mila euro (circa) di presunte entrate per oneri di concessione derivanti da alcuni impianti sportivi comunali. Somme regolarmente iscritte nel bilancio di spesa per l’anno corrente, anche se la prova materiale che esse siano realmente nella disponibilità dell’Ente non c’è. Impossibile infatti operare le verifiche sui conti correnti del Comune, accertare la fondatezza dei bonifici effettuati da una decina di associazioni. Una singolarità, se non una vera anomalia, riportata per esteso nella determinazione 241 del 2 maggio 2018 a firma del dirigente al settore sport Domenico Nardi. Che nell’atto denuncia la “impossibilità di accesso da parte del Servizio Sport, al conto corrente postale per i controlli e le verifiche del caso”. Eppure, l’accertamento, aveva il fine di collocare le somme in uno dei capitoli del bilancio di previsione poi votato dall’aula. Una stranezza che spinge alla domanda: gli uffici comunali sono sempre in grado di confermare, attraverso riscontri tangibili, la reale disponibilità delle entrate iscritte a bilancio?

A sollevare il caso dei soldi (presunti) mancanti è stato nei giorni scorsi il consigliere del Pd Emanuele Di Silvio che ora chiede di conoscere se le associazioni e società sportive (che hanno in uso gli impianti all’interno degli istituti scolastici) abbiano realmente pagato la quota di concessione. In una interrogazione indirizzata al sindaco Michel Barbet Di Silvio pone quindi la domanda fatidica: “Ci sono società morose tra gli attuali gestori affidatari dei campi sportivi? […] Come è possibile che il dirigente dell’area responsabile abbia palesato, in una determina, l’impossibilità di accedere ai conti correnti di quel settore al fine di operare le dovute verifiche?”. Ma soprattutto: chi ha accesso, a che titolo e con quali modalità, ai conti correnti del Comune di Guidonia Montecelio?

 

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.