GUIDONIA – Il finanziamento sarebbe di 5 milioni di euro (più o meno). Dalle informazioni transitate nelle ultime sedute della commissione Finanze (presieduta dal 5Stelle Giuliano Santoboni) la somma sarebbe di provenienza governativa. Il condizionale è d’obbligo. Dal momento che nelle deliberazioni di giunta, che ne indirizzano l’impiego, non si fa richiamo ad alcun protocollo o comunicazione. I soldi potrebbero insomma arrivare dallo stesso bilancio dell’Ente, almeno sotto forma di anticipazione di cassa. Sta di fatto che al governo Barbet (Michel, sindaco 5Stelle del Comune di Guidonia Montecelio) si sono messi a spendere. E con una sfilza di atti deliberativi, prodotti per intero nel corso della sola mattinata dell’11 settembre, hanno impegnato 5 milioni di euro in altrettanti progetti strategici. Strutturali. Di quelli che prendono ispirazione dal new deal e dalle regole macroeconomiche sugli investimenti a lungo termine. Qualcosa che ha molto a che vedere con il corso green intrapreso in Regione Lazio dall’alleato Pd Nicola Zingaretti. Il presidente della economia circolare applicata alle opere pubbliche, all’ambiente, al welfare, ai rifiuti, praticamente fuffa allo stato puro. Che però a Guidonia, negli attuali (sottobanco) accordi con gli assetti grillini, hanno prodotto uno schema di investimenti licenziato (appunto) dalla giunta. Così, dall’oggi al domani. Atti deliberativi ricchi di quadri tecnici economici che consegnano nelle mani dell’assessore ai Lavori pubblici, il grillino Antonio Correnti, un ricco tesoretto. Il governo cittadino ha anche approvato le modifiche al documento triennale delle opere pubbliche atteso ora dal vaglio del consiglio comunale.

Ma ecco come i nuovi (e duraturi) accordi del new deal Pd-5stelle hanno inteso spendere i soldi. Un milione di euro verrà utilizzato per rifare completamente il cavalcavia della ferrovia alla Longarina. Il vecchio progetto (si fa per dire) del marzo scorso di metterlo in sicurezza con 140mila euro è andato a farsi benedire. Cestinato. Meglio un’opera nuova dai costi rilevanti e dagli incerti tempi di consegna. Ancora non sono chiari i come e i perché la strada di collegamento tra il centro città e i quartieri di Villanova e Villalba sia stata chiusa il 1 novembre 2019. Narrazione vuole, che un automobilista in transito, quella notte, avesse avvertito un sinistro scricchiolio delle strutture allertando i vigili del fuoco. Seguiva la chiusura a tempo indeterminato che si protrae ancora oggi. Ponte pericolante. Sarà vero? Un’opera nuova, rifatta nel 2011 e quell’anno riaperta al traffico. Che solo sei mesi fa necessitava solo del consolidamento di alcuni piloni come certificato da tecnici qualificati. Ora l’amministrazione grillina ha invece deciso per altra priorità. Come se non ce ne fossero di più rilevanti nella città delle strade colabrodo.

Ancora: 3 milioni di euro verranno usati per interventi di manutenzione straordinaria della rete fognaria di Villalba, Colle Fiorito, Guidonia centro, Pichini, Colleverde. Secondo i desiderata di Correnti, il promotore degli schemi di deliberazione, le somme sono da considerarsi per investimenti di somma urgenza. In aree dove il sistema fognario è medievale per capacità di portata delle acque. Anche qui, con tempi di consegna incerti delle opere ultimate. Ultimo progetto, valore 1 milione di euro, l’amministrazione pentastellata l’ha concentrato sullo skate park di Colle Fiorito. Infrastruttura sfortunata dagli albori. Era il 2007 quando l’amministrazione comunale di centro sinistra inaugurò l’opera come se in quel quartiere periferico lo sport delle tavole a rotelle fosse di casa. Finì nel degrado. Adesso Barbet intende riavvivare l’investimento iniziale buttandoci sopra altri soldi. E costruendo ex novo una pista ciclabile di collegamento con il palazzetto (dello Sport) al Bivio di Guidonia. Altra opera mastodontica e abbandonata a se stessa da 15 anni. Ma la macchina della propaganda attraverso la inaugurazione di simil nuove opere pubbliche si è messa i moto: dietro l’angolo, del resto, ci sono le elezioni comunali che da alleti 5stelle e Pd intendono vincere a ogni costo.

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

1Commento
  • Dominici Giancarlo

    Sono 2 anni che non riescono a fare un posto disabili in via Lazio 22 ,autorizzato dai vigili , Vergogna altro che 5 milioni .sono incapaci .

    Settembre 16, 2020

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.