GUIDONIA – Un vigile urbano positivo al Coronavirus, altri 8 finiti in quarantena per aver condiviso con l’agente turnazioni di lavoro nella giornata del 2 giugno; una sanificazione disposta in extremis dagli uffici ambientali del Comune di Guidonia Montecelio, nella tarda serata di ieri martedì 9 giugno, presso la delegazione di Villanova, locali della Polizia locale compresi, dopo che il vigile lì distaccato era risultato positivo al tampone rinofaringeo, somministrato nell’ambito dei protocolli che hanno riguardato la struttura sanitaria romana San Raffaele, dove un congiunto dell’agente era stato ricoverato prima del 19 maggio. Un focolaio che, stando ai dati forniti ieri dalla Asl, ha interessato 9 persone in parte riconducibili al nucleo familiare dello stesso agente, tutti residenti a Villanova, un medico il cui contagio potrebbe però non essere compreso tra quelli già noti.

Così, nella tarda serata di ieri, a fronte di una situazione diventata improvvisamente critica, al Comune decidevano di chiudere l’intera delegazione di Villanova e il comando centrale dei vigili di via Roma, dove gli agenti facevano la spola. È la cronaca di un pezzo di giornata, i cui eventi hanno travolto l’amministrazione 5Stelle decisamente impreparata a fronteggiare la comparsa del cluster con il coinvolgimento della Polizia locale. Momenti convulsi per il sindaco Michel Barbet e l’assessore al Personale Andrea Saladino, durante i quali i due dimenticavano di attivare le informazioni ai sindacati di base, riguardanti le condizioni di salute del personale dell’Ente. La notte non portava consiglio.

Stamane, gli uffici aperti al pubblico come l’Anagrafe comunale di piazza Matteotti, erano regolarmente fruibili, né ai dipendenti è stata fornita alcuna informazione sui fatti accaduti, anche al fine dell’adozione di ulteriori misure di protezione e prevenzione. Solo prima di pranzo, Barbet diffondeva una nota su Facebook: «A seguito del caso positivo al Covid 19 dell’agente della Polizia locale ci siamo subito attivati per gestire questa nuova situazione emergenziale – ha scritto il sindaco -. Di concerto con l’Asl Roma 5 abbiamo predisposto, infatti, che vengano effettuati i tamponi a tutti gli agenti, e in via precauzionale, a tutti i dipendenti pubblici che lavorano a contatto con il pubblico. Stiamo, inoltre, predisponendo di concerto con l’assessore al Personale Andrea Saladino in via precauzionale la temporanea sospensione degli uffici aperti al pubblico per espletare le funzioni di controllo. Ancora di più ora il mio ringraziamento va alla Polizia municipale che, anche in questo momento reso ancora più difficile, sta portando avanti egregiamente il proprio lavoro».

La Asl Rm5 dovrebbe avere attivato i protocolli di controllo su chiunque sia entrato in contatto con i vigili in quarantena, durante l’attività lavorativa svolta anche nei mercati rionali, il cluster di Villanova preoccupa e parecchio l’amministrazione.

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.