GUIDONIA – Una riorganizzazione degli uffici e del servizi per migliorare le performance del personale dipendente. La nuova Macrostruttura dell’Ente targata 5Stelle avrebbe preso forma con qualche difficoltà per le spaccature interne al Movimento, ma sarebbe ora pronta a sbarcare in Giunta per l’approvazione finale. Al vaglio perfino una riduzione delle strutture apicali dirigenziali (settori),  le aree amministrative potrebbero scendere da otto a sette; le novità principali riguardano comunque alcuni assetti interni a ciascun settore decisi dall’indirizzo (politico) movimentista. L’area III delle Attività produttive ad esempio, con decreto sindacale assegnata di recente al neoassunto dirigente amministrativo Carola Pasquali, avrebbero subìto un vero e proprio smembramento, spogliata delle Unità tecniche, che la legge incardina sotto la responsabilità di dirigenti tecnici, ingegneri o architetti. Ecco allora che l’ufficio Cave-attività estrattive con le rispettive unità di personale, dovrebbe transiterebbe nell’area dei Lavori pubblici, sotto la responsabilità dell’architetto Rocco Olivadese, dirigente chiamato con contratto triennale a risollevare le sorti di un settore in grande affanno. La gestione del Cimitero comunale finisce al settore Ambiente, nelle mani di Paola Piseddu. A Pasquali resta la direzione del Commercio Attività produttive e di impresa – più altre specifiche competenze già specificate nel decreto di nomina – e con molta probabilità anche l’autorità sui Servizi sociali attualmente incardinati nell’area VIII del dirigente a tempo (sei mesi) Antonio Capitano.

Per i rumors, l’obiettivo 5Stelle sarebbe una riorganizzazione  generale degli uffici e un utilizzo mirato del personale su compiti più utili. Le priorità, sarebbero ad esempio una migliore gestione delle procedure in materia di programmazione dei fondi europei,  strutture di supporto per migliorare le comunicazioni con il cittadino e tra settori della pubblica amministrazione. Per altri dettagli bisognerà aspettare la pubblicazione della delibera di Giunta.

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

2 Commenti
  • Bonifacio vivirito

    E ora che si cominciano asfatatare le strade visto che tanti comuni hanno iniziato a farlo e solo a comune di Guidonia ancora non si comincia

    Gennaio 19, 2019
  • gabriele giorgi

    A proposito di riorganizzazione dei servizi: ho lavorato per quasi quarant’anni in Comune e ne ho viste più di qualcuna ma non ricordo che abbiano mai prodotto benefici al cittadino, anzi creano più confusione, più disagi (sia ai dipendenti che al pubblico) perchè realizzate con criteri clientelari. Le riorganizzazioni dei servizi e strutture avrebbero senso se realizzate ad inizio legislatura qualora, l’amministrazione eletta, abbia una diversa visione politico-culturale della precedente ed in base al proprio programma politico-amministrativo. Ad esempio: un partito o una coalizione di cultura liberale organizzerà una struttura meno articolata e più snella di un partito o coalizione di sinistra: ma questa è in Italia fanta-politica.

    cordiali saluti gabriele

    Gennaio 21, 2019

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.