GUIDONIA – Sono riusciti nella impresa di pasticciare il bando. Un “refuso” sugli importi a base d’asta (leggi qui) che ha costretto la Sua (stazione unica appaltante della Città metropolitana di Roma) a chiedere chiarimenti al Comune di Guidonia Montecelio. Anche in relazione al tipo di contratto di lavoro che verrà somministrato ai 19 operatori che, presumibilmente, gestiranno complessivamente i servizi delle biblioteche. La gara istruita dagli uffici municipali (e affidata per il suo espletamento alla Città Metropolitana) non va certo avanti spedita. Tutt’altro. Tra inciampi e refusi i tempi di assegnazione sembrano dilatarsi all’infinito. Bandita ormai 8 mesi fa fa dall’amministrazione 5Stelle, se ne sono perse le tracce se non in alcune dichiarazioni (datate) rilasciate alla stampa dall’assessore alla cultura e pubblica istruzione Elisa Strani, “il servizio è sul punto di ripartire”. Ma quando?

L’apertura delle buste per l’assegnazione dell’appalto risale a gennaio (Elenco-ammessi-esclusi). Tra le partecipanti solo il colosso della cooperazione l’Arca di Noè Onlus, specificità storica del terzo settore impegnata nell’espletamento di servizi essenziali in mezza Italia, è risultata in possesso dei requisiti previsti dal bando. Nonostante la istruttoria non fosse conclusa e prevedesse accertamenti sulla seconda classificata, la Socioculturale cooperativa onlus, altro soggetto non profit di rilevante importanza nel panorama del terzo settore operante prevalentemente nella capitale. Sono passati cinque mesi e ancora l’appalto non è stato assegnato.

L’appalto è della durata di due anni e costerà all’amministrazione comunale poco più di 100mila euro. Esso prevede la gestione integrativa delle biblioteche comunali, ossia la fornitura di front officeback office e di promozione dei siti culturali e della lettura nelle strutture di via Moris (Guidonia centro); piazza Martiri delle Foibe (Villalba);  via XXV Aprile(Complesso San Michele in Montecelio); via Todini (Setteville). In passato lo stesso servizio era stato appaltato direttamente dal Comune con procedure di affidamento diretto ad una associazione locale, Guidonia Cultura.

leggi anche La via romana dei servizi, dopo il teatro è la volta delle biblioteche comunali. Così i 5Stelle importano lavoro dalla Capitale

 

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.