L’amministrazione pubblica gli esiti della selezione avviata a ottobre: gli spettacoli li fa Movimento forza 9 per il teatro.  La documentazione è però incompleta. Il caso delle valutazioni segrete chiuse nei cassetti della commissione  

GUIDONIA – Il mistero dei verbali “integralmente richiamati” ma non disponibili sul web. Conservati negli uffici e a disposizione di chiunque abbia i requisiti di legge per prenderne visione e chiederne copia. Ovvero, cittadini con un interesse diretto nella faccenda o consiglieri comunali che intendano operare la loro funzione di controllo sulla regolarità degli atti amministrativi. La trasparenza dimezzata dei 5Stelle al timone del comune di Guidonia Montecelio va in scena (è il caso di dire) al Teatro Imperiale. E conoscendo i tempi biblici, già denunciati da più consiglieri di opposizione, per accede alle informazioni relative agli atti pubblici, ci vorrà una vita per capire l’andazzo della selezione ad evidenza pubblica, aperta a ottobre 2017 e conclusa ieri con la pubblicazione all’albo pretorio online della determinazione di aggiudicazione definitiva del bando sulla gestione dei servizi teatrali. Il vincitore è una associazione con sede a Roma, origini siciliane nei suoi rappresentanti (il presidente è Margherita Farina, il direttore artistico Maria Elisa Muglia entrambe palermitane), con esperienze recenti nella Torino 5Stelle del sindaco Chiara Appendino. La commissione chiamata a valutare le offerte pervenute, composta integralmente da dipendenti comunali, ha giudicato la proposta di Movimento forza 9 per il teatro la più adatta in base ai criteri fissati dal bando e alle estimazioni contingenti arrivate della stessa commissione. Tutto scritto, riporta la determinazione di aggiudicazione definitiva, nel verbale numero 4 che però è secretato. Anche perché “eventuali possibili relazioni tra i soggetti destinatari dell’atto e amministratori o i dipendenti dell’Ente non hanno interferito nell’individuazione dei destinatari del presente atto, all’oggetto”.

Un bando nato dalla esigenza della amministrazione comunale di garantire ai cittadini “l’accesso ai servizi per la cultura, mediante l’organizzazione di spettacoli teatrali, da svolgersi presso il teatro Imperiale, un immobile di prestigio di alta rilevanza per il patrimonio culturale della città”. Dal quale sono rimaste esclude importanti realtà del teatro locale che pure avevano partecipato alla selezione tra cui il duo Anna Greggi e Gennaro D’avanzo e Fausto Costantini, già promotori di stagioni di successo.

ALLEGATO PDF: VIII_066_31_01_2018 – determinazione di aggiudicazione definitiva

Per approfondire: Teatro Imperiale, manca l’ufficialità ma l’esito del bando è già un caso: vince l’associazione siculo-romana che piace ai torinesi. Le vie del Signore (o delle correnti pentastellate) portano sempre a Guidonia

Guidonia/Mistero buffo del bando sui servizi teatrali, dopo un mese l’aggiudicazione non c’è

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.