GUIDONIA – Michel Barbet la tocca piano e come al solito non è chiaro quando comunica. Così, il preambolo pubblicato oggi sulla sua pagina Facebook sull’amministrazione vicina al settore estrattivo a tutela del lavoro e del territorio nasconde il fatto delle ultime ore: il Comune di Guidonia Montecelio ci ha ripensato sulle ordinanze di fermo delle attività estrattive, se ne riparlerà a settembre. Il dirigente all’Ambiente con delega al settore del travertino romano Egidio Santamaria ha concesso ulteriori 30 giorni in deroga alle imprese sprovviste di fideiussioni, ad eccezione di un paio di aziende che riceveranno invece subito il provvedimento. Una decisione maturata per consentire ai «tavoli» aperti di giungere a una conclusione e trovare soluzioni che non siano la chiusura tout court. Solo tre giorni fa le ordinanze di stop erano pronte per essere notificate già oggi venerdì 7 agosto. Motivo: su una ventina di autorizzazioni solo 5 sarebbero in regola con le fideiussioni vincolanti per legge ai fini del ripristino ambientale. Il caso è affidato alle cronache: polizze scadute o contraffatte finite in Procura a Tivoli.

Ora, il ripensamento espresso implicitamente sempre su Facebook dall’assessore competente Elisa Strani: «È stato avviato già da diversi mesi un tavolo di lavoro con le aziende del settore estrattivo e le compagnie assicurative al fine di risolvere anche la questione delle polizze fideiussorie. Su questo caso la magistratura farà il suo corso – scrive Strani – e stabilirà le responsabilità e come Ente rispetteremo ciò che verrà deciso».
«Nello spirito di collaborazione ed ascolto che ha sempre contraddistinto la nostra attività amministrativa – continua l’assessore – abbiamo convocato nei mesi scorsi un tavolo di lavoro con le aziende del settore estrattivo e, per la prima volta, anche con le compagnie assicurative, al fine di trovare una soluzione che, laddove possibile, consenta il proseguimento dell’attività lavorativa, il rispetto dell’ambiente e la possibilità per il Comune di ricevere quanto dovuto. Una soluzione nello spirito di collaborazione e dialogo avviato ormai da tempo con uno dei settori più importanti dell’asset economico di Guidonia Montecelio. Diverse aziende si sono attivate positivamente e saranno ricevute dagli uffici nei prossimi giorni, pertanto colgo l’occasione per sollecitare tutte le aziende che non lo abbiano ancora fatto a riscontrare le richieste dell’amministrazione».
«Abbiamo avviato da diverso tempo un’interlocuzione positiva con le aziende del settore estrattivo – scrive invece il sindaco grillino – sono convinto che in questa occasione riusciremo a trovare una soluzione condivisa e che vada incontro alle esigenze di tutti».

leggi anche: Guidonia, senza fideiussioni imprese verso la sospensione dell’attività di cava, al Comune pronte le ordinanze

leggi anche: Guidonia, la denuncia del Cvtr: aziende vessate e discriminate. Sulle fideiussioni false, noi parte lesa

 

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.