GUIDONIA – La Società del Travertino Romano Spa potrà tornare a cavare dopo quasi due mesi di stop. A deciderlo è stato il Tar del Lazio, che ha accolto la richiesta della società di sospendere gli effetti del provvedimento di revoca all’autorizzazione estrattiva notificato il 10 agosto scorso, con cui il dirigente del settore Ambiente del Comune di Guidonia Montecelio, Paola Piseddu, ipotizzava un grave danno ambientale.

In attesa di conoscere le motivazioni alla base della decisione dei giudici amministrativi, è da rilevare subito che l’amministrazione guidoniana non si ferma e rilancia. Annunciando per domani 11 ottobre una attività di verifica all’interno del sito estrattivo di proprietà dell’ex sindaco Filippo Lippiello, alla quale prenderanno parte i carabinieri forestali oltre a funzionari e dirigenti del comune. Un accanimento nella percezione degli imprenditori, che più volte hanno parlato di abusi di potere perpetrati dalla parte pubblica contro il settore estrattivo. In una vicenda lunga e davvero incredibile. Passata nelle ultime settimane per la cronaca più spicciola, attraverso la chiusura decisa per alcuni siti estrattivi, tra i quali la Str, agli annunciati licenziamenti di centinaia di lavoratori.

Una faccenda i cui esiti sfavorevoli per l’amministrazione attraversano oggi la carne politica dell’amministrazione 5Stelle alla guida della città. Il sindaco Michel Barbet ha giocato una partita di poker e ne ha perso in autorevolezza e imparzialità della sua stessa maggioranza. Il «rispetto delle regole» è stato il refrain dei pentastellati comunali nella guerra dichiarata alla cave. Basta inquinamento e devastazione del territorio, sì alla applicazione ligia delle leggi, lo spartito cinguettato con  i consiglieri regionali di medesima estrazione politica, sotto le indicazioni tecniche di Piseddu, risultato: sbagliavano. Oggi in prima istanza i giudici amministrativi hanno dato loro torto. Tar batte Piseddu e 5Stelle 1-0 e la palla non è al centro. La sconfitta oltre ai tecnicismi resta in tutta la sua valenza politica: Michel Barbet dopo la fuga notturna scortato dalla Digos, ha fatto in queste ore la seconda peggiore figura. Dovrebbe fare ammenda e meditare dimissioni.

AUTORE: Elisabetta Aniballi

Blogger e Giornalista professionista. Nella sua venticinquennale carriera ha maturato esperienze prevalentemente nella carta stampata senza mai nascondere l'amore per la radio, si occupa inoltre di comunicazione politica e istituzionale.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.