GUIDONIA - Dopo anni i partiti di centrodestra tornano a firmare un documento comune. In chiave politica, contro l'amministrazione 5Stelle e il Partito democratico assimilati da una identica visione della gestione del ciclo dei rifiuti: i «no» senza proposte che hanno determinato il collasso di queste settimane, dopo Roma Capitale anche a Guidonia Montecelio. Il tema è di attualità. La mancata raccolta dell'umido, l'isola ecologica chiusa, i difetti continui nello smaltimento dei materiali avviati al recupero grazie a un porta a porta che compie giusto 10 anni, rappresentano le criticità di una gestione definita nel documento «suicida». Il riferimento è...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - Un atto dovuto quanto inutile. L'ordinanza contingibile e urgente (a tutela della salute pubblica) con cui il sindaco Michel Barbet ha declassato l'umido a frazione indifferenziata,  «secco» o «grigio» in gergo, sul piano pratico è perfino dannosa: non ci sono impianti di Tmb nel Lazio né in Italia in grado di trattare il rifiuto misto. Roma Capitale con la sua emergenza annosa ha saturato l'offerta, così anche volendo pagare lo smaltimento a caro prezzo, con conseguenti impennate della tariffazione, il Comune di Guidonia Montecelio non saprebbe dove conferire il rifiuto tal quale o «sporco», inquinato dalla componente organica. Sul fronte...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - L’indiscrezione circola da un po’ negli ambienti di Ama, la municipalizzata che smaltisce i rifiuti capitolini. L’alternativa a Ponte Malmone, sito autorizzato per qualche mese nell’XI municipio romano, è un’area nel distretto tiburtino (Municipio IV), adiacenze Centro agroalimentare, pieno territorio guidoniano. Come riporta oggi Il Messaggero, la scelta ricalcherebbe le indicazioni già contenute nella mappa disegnata dai tecnici della Città metropolitana di Roma per la scelta di luoghi adatti a ospitare discariche. Ponte Malmone era un sito d’emergenza, individuato lo scorso gennaio per trasferire i rifiuti del Tmb Salario andato a fuoco a dicembre. Le autorizzazioni scadono il 30...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA -  Un collettore fognario da demolire senza ulteriore indugio. Non basta: il Comune di Guidonia Montecelio dovrà farsi carico di prevedere, già nel Bilancio 2019, le spese di rimozione, quindi di progettazione e realizzazione di un nuovo depuratore che fornisca il quartiere di Colline del Sole. Lo ha stabilito il commissario ad acta Lucia Leto con la disposizione di servizio del 15 febbraio 2019 (eccola). L'atto con cui l'alto funzionario (è direttore generale del Comune di Tivoli), nominato nel 2016 dal Tar del Lazio per dare esecuzione alla sentenza 3597 del 2013, si congeda dalla spinosa vicenda lasciando disposizioni...

Scopri di piùScopri di più

NELLE ultime ore ha incassato apprezzamenti anche dai Radicali romani, «lo dicevamo da anni che quella era la strada». Intanto la ridefinizione zingarettiana dell'impianto di Colleferro è un successo, perché a parole - ci vorranno tre anni per i fatti - supera la combustione e destina il termovalorizzatore a Tmb: un impianto che lavora a freddo e produce fos e, al contrario della formazione del combustibile derivato dei rifiuti, recupera materia. Proprio come quello dell'Inviolata, pronto ma chiuso e sotto sequestro per difformità urbanistiche, che se fosse stato menzionato da Zingaretti avrebbe sollevato sciami di proteste e polemiche, ca va...

Scopri di piùScopri di più