GUIDONIA - Un atto dovuto quanto inutile. L'ordinanza contingibile e urgente (a tutela della salute pubblica) con cui il sindaco Michel Barbet ha declassato l'umido a frazione indifferenziata,  «secco» o «grigio» in gergo, sul piano pratico è perfino dannosa: non ci sono impianti di Tmb nel Lazio né in Italia in grado di trattare il rifiuto misto. Roma Capitale con la sua emergenza annosa ha saturato l'offerta, così anche volendo pagare lo smaltimento a caro prezzo, con conseguenti impennate della tariffazione, il Comune di Guidonia Montecelio non saprebbe dove conferire il rifiuto tal quale o «sporco», inquinato dalla componente organica. Sul fronte...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - C'è il superiore interesse dell'Ente da tutelare ed è giusto recuperare il dovuto dalle aziende che «acquistano» il rifiuto domestico per lavorarlo e destinarlo al riuso, ma è vero anche che al Comune di Guidonia Montecelio la schizofrenia amministrativa produce paradossi. Così, mentre gli uffici fanno fatica a individuare i siti di conferimento per carta, plastica, metalli, terre di spazzamento stradale, umido e ingombranti, e sono costretti a ricorrere agli affidamenti diretti e alle proroghe di servizi essenziali per la presenza di un monopolio che azzera la concorrenza delle gare pubbliche, la giunta 5Stelle promuove decreti ingiunti verso...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - Una ordinanza contingibile e urgente firmata in extremis e per gravi motivazioni in ordine alla salute pubblica. Il sindaco di Guidonia Montecelio, il 5Stelle Michel Barbet, dispone che dopo dieci anni dall'entrata in vigore del regime della raccolta porta a porta spinta, la frazione organica, da domattina, venga «declassata» e assimilata nel codice Cer alla componete grigia o indifferenziata da smaltire in discarica come avveniva a Guidonia fino al 2009, anno di entrata in vigore della raccolta differenziata. La ordinanza emanata oggi dal primo cittadino recepisce le difficoltà e gli errori della sua amministrazione. Storia nota: dalla revoca a...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - Sono ispettori ambientali volontari e dovranno giurare davanti al sindaco 5Stelle Michel Barbet, avranno poteri di accertamento delle violazioni amministrative, agiranno nella qualifica di pubblici ufficiali. Sono una decina scelti con criteri discrezionali, decretati ieri giovedì 5 dicembre dal primo cittadino con atto monocratico tra le figure in possesso dei requisiti previsti dalla legge «in omonimia a quelli richiesti agli ausiliari del traffico, dopo avere seguito un corso di formazione specifico superando con profitto il test finale». Gli sceriffi provengono tutti dall'associazione Fedra onlus già preferita dall'Ente Parco dei Monti Lucretili per gli ordinari controlli, la sede di lavoro del capogruppo 5Stelle Giuliano Santoboni....

Scopri di piùScopri di più

TRENTAQUATTRO sindaci della Provincia di Roma contro Virginia Raggi ma Michel Barbet non è in elenco. «Non siamo pattumiera Roma» il senso della protesta, messa nero su bianco e firmata, oltre ogni colore politico, dagli amministratori di molte municipalità contro la concreta eventualità di accogliere le migliaia di tonnellate di rifiuti che Roma non sa come smaltire. Tra questi non c'è sindaco di Guidonia Montecelio, il 5Stelle sul cui territorio insiste un impianto di Tmb ultimato, collaudato, pronto quindi per entrare in funzione in una gestione commissariale dietro l'angolo, costruita sull'emergenza sanitaria. In un contesto così critico per la intera...

Scopri di piùScopri di più