GUIDONIA - Utilizzo di sacchi non idonei, una raccolta differenziata raffazzonata, con la presenza nel mastello della frazione organica di una «quantità eccessiva di potature e/o erba oltre i limiti consentiti». Succede così che i nuovi operatori, nell’ambito dell’appalto partito il 1 giugno scorso, siano spesso costretti a lasciare i rifiuti in strada. Per evitare di compromettere l'intero carico destinato al conferimento nei siti autorizzati. Un disservizio? Nemmeno per idea. I contorni della faccenda che rischia di far lievitare ancora i costi di smaltimento li ha spiegati il sindaco di Guidonia Montecelio, il grillino Michel Barbet, durante la consueta  diretta...

Scopri di piùScopri di più

L’IMPIANTO di Aielli (L'Aquila) piace al sindaco grillino Michel Barbet e anche ad Alessandro Cocchiarella, il presidente della commissione Ambiente da sempre contrario all’impianitica di qualunque tipo (novità). Entrambi, lo scorso 25 giugno, facevano parte della delegazione (anche composta dai 5Stelle consiglieri comunali Antonino Briganti e Giuliano Santoboni) arrivata in Abruzzo, nell’area industriale sita nel cuore del Fucino, per partecipare alla inaugurazione del primo lotto di ampliamento di un Tmb in buona parte riconvertito in impianto di compostaggio: proprietà pubblico privata di Aciam Spa-Tekneko. Una partnership (Comuni della Marsica, Regione, socio privato al 49% Tekneko) che in Abruzzo funziona. Chiude...

Scopri di piùScopri di più

PER LA NOVITÀ  introdotta dall’ultimo appalto, partito il 1 giugno scorso, ovvero il servizio di smaltimento nei siti autorizzati, la quantità di rifiuto organico prodotta dal Comune di Guidonia Montecelio, circa 10mila tonnellate l'anno, prenderà la via abruzzese dell'impianto di Aielli, piena Marsica, in provincia de L'Aquila. La componente organica rappresenta circa del 30% dei rifiuti domestici prodotti, una quantità importante per una città di dimensioni importanti come Guidonia Montecelio. Attenzione però, nel nuovo impianto, frutto dell'ampliamento e della riconversione (con l'attivazione di una linea per l'umido) dell'impianto costruito 10 anni fa, potrà essere utilizzato solo materiale correttamente trattato, al fine di produrre compost di...

Scopri di piùScopri di più

ROMA – Pasqua porta l’emergenza rifiuti a Roma. In una lettera inviata alla Regione Lazio, a Roma Capitale, alla Prefettura capitolina e alla Procura della Repubblica di Roma, l’Ama ha annunciato che a causa delle conseguenze legate alla chiusura della discarica di Roccasecca (Frosinone) e dell’assenza di impianti alternativi dove inviare a trattamento 365 tonnellate al giorno di rifiuti indifferenziati, dalle 18 di oggi giovedì 1 aprile ci sarà la pressoché totale contrazione della raccolta nei Municipi XI, XII, XIII e XIV e a prefigurare oltre 2.000 tonnellate di immondizia in strada entro martedì, con accumuli in tutta la città. Senza...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - La stazione appaltante che al termine di una gara ha aggiudicato un contratto è tenuta a darne avviso, a norma di legge, con gli strumenti della pubblicazione sulla Gazzetta Europea, nel caso di appalti sopra soglia e di interesse comunitario. Una prassi a cui non è sfuggito il Comune di Guidonia Montecelio che, recentemente, ha affidato la gara economicamente più rilevante dell’Ente (60 milioni oltre Iva), relativa alla raccolta porta a porta, il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani.  Una gara di livello europeo, di durata triennale con la possibilità di rinnovo per ulteriori due anni andata...

Scopri di piùScopri di più

ROMA capitale ha escluso la possibilità che l’impianto Ama di Rocca Cencia possa aumentare la propria capacità di trattamento, annunciando inoltre che gli uffici comunali esprimeranno parere negativo nella conferenza dei servizi per il rinnovo dell’autorizzazione integrata ambientale (Aia) richiesta dall’azienda Ama per il Tmb di Rocca Cencia, in quanto l’impianto è destinato alla chiusura nei prossimi mesi, sostituito in parte dell’attività, e con ogni probabilità, dal Tmb dell’Inviolata di Guidonia Montecelio del gruppo di Manlio Cerroni. Collaudato e pronto ad entrare in funzione, sulla carta l'impianto è autorizzato a trattare 190 mila tonnellate annue, anche se dopo la rimodulazione...

Scopri di piùScopri di più