GUIDONIA - Se ne va, forse no. Di certo c'è che al momento, le dimissioni dell'assessore al Personale, la 5Stelle Adriana Calì, risultano «congelate». Presentate la scorsa settimane con una lettera, riferisce chi l'ha letta dai contenuti al vetriolo, per disguidi interni o forse errori materiali le dimissioni da Michel Barbet e dalla sua giunta non sarebbero però andate a buon fine perché non correttamente assimilate al protocollo dell'Ente, il sistema di registrazione progressivo che determina la efficacia dei provvedimenti negli enti pubblici. Il sindaco, ora sembra intenzionato a prendere tempo, né avrebbe ancora ratificato le dimissioni di Calì con atto di sua...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - Claudio Cos arriva in piazza trafelato. Rintracciato al telefono, ha saputo della riunione con i pendolari sulla Tpl (il trasporto pubblico locale) a cose fatte. Il presidente della commissione Lavori pubblici è dei 5Stelle e come gli altri consiglieri di maggioranza viene ormai tenuto all'oscuro delle cose di palazzo. Michel Barbet governa i processi decisionali e le strategie nell'ambito della giunta (nemmeno tutta) e taglia fuori gli eletti dalle sfere d'influenza? È il leitmotiv stellato nei corridoi del potere locale. Le lamentele si moltiplicano. Claudio Zarro, alla guida della commissione Commercio, si sente escluso dall'organizzazione delle iniziative natalizie anche se...

Scopri di piùScopri di più

ALLA Regione Lazio si va verso «una intesa forte» tra i 5Stelle e il Pd e pure in Emilia Romagna gli stellati potrebbero fare la stampella salva Stefano Bonaccini e apparati. Una alleanza ai massimi sistemi del potere che passi (anche) per l'entrata di Roberta Lombardi nella cabina di regia del movimento: sei teste al posto di una, quella di Luigi Di Maio. Il capogruppo alla Pisana non nasconde lo scenario a L'aria che Tira dove è stata ospite stamattina. La formula del capo in solitaria non incastra con le esigenze di una politica moderna, del movimento in primo luogo....

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - La guerra (caotica) si è spostata nelle commissioni dove le assenze strategiche incrociate fanno saltare le discussioni sui punti già calendarizzati.  Per i bene informati, tra i 5Stelle, l'intento sarebbe il boicattaggio degli altri. Quelli delle fazioni opposte. Il metodo: annullare il confronto e far slittare l'approvazione dei pochi provvedimenti in trattazione. Lo scenario si sarebbe presentato in almeno due adunanze. Prima all'Ambiente e poi alla Cultura, Sport, Istruzione dove alla commissione di mercoledì, a un quarto d'ora dall'apertura dei lavori, era rimasto il presidente, il 5Stelle Matteo Castorino, inchiodato per evidente responsabilità, in compagnia dei soli consiglieri...

Scopri di piùScopri di più