GUIDONIA - Come in una reazione a catena i fatti si susseguono con impressionante velocità, così dopo le «attestazioni» dovute a difesa della corretta procedura amministrativa (leggi qui), Livia Lardo, il segretario generale dell’Ente, caccia la ditta (ecco la risoluzione del contratto). Licenzia in tronco quelli della «società Halley», a suo dire colpevoli di malfunzionamento del sistema, che il 12 aprile scorso ha esposto il Comune e la sua «classe politica» a una brutta figura. Cosi si legge nel provvedimento che risolve in anticipo il contratto, decorrenza 2 maggio. La società sarebbe quindi l'unica responsabile della duplice pubblicazione sull'albo pretorio della stessa delibera...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - Le cose sono andate esattamente come pronosticato,  le «procedure parallele» votate dal consiglio comunale furono «un atto unilaterale» in contrasto con il principio del corretto e imparziale andamento della pubblica amministrazione. La procedura che il Comune di Guidonia Montecelio avrebbe dovuto seguire era invece la chiusura della conferenza dei servizi, iter amministrativo già incardinato negli uffici, dando risposte certe al destino del polo del «Freddo» o piattaforma refrigerata che potrebbe vedere luce nell’area del Car (Centro agroalimentare di Roma).  Con queste motivazioni il Tar del Lazio ha cancellato la delibera di consiglio comunale numero 95 (pubblicata l'8 gennaio del 2018),  invalidandone gli...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA -  Il segretario Livia Lardo «attesta» con un atto (documento comunicato stampa) a sua firma la regolarità della procedura amministrativa. Un chiarimento pubblicato oggi sul sito istituzionale nel quale di notaio dell'Ente attribuisce ogni responsabilità «a un malfunzionamento del software» nel caricamento della ormai famigerata delibera 34. Quella che nell'indirizzo della Giunta doveva aumentare il numero degli ambulanti alla festa di San Giuseppe Artigiano di Villanova e che è stata votata, approvata, quindi pubblicata sull'albo pretorio online in due differenti momenti e con diversi deliberati nell'arco di 48ore (leggi qui). Una prima volta il 12 aprile, la seconda ieri, passando per...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - Niente da fare, la procedura negoziata delegata dal Comune di Guidonia Montecelio alla Stazione unica appaltante della Città metropolitana di Roma per l'affidamento del servizio di smaltimento/riciclo della frazione umida del rifiuto domestico non produce effetti, gara deserta e servizio nel caos. Il verdetto è stato appena pubblicato sul sito della ex Provincia di Roma. L'appalto era di durata annuale - dal 1 giugno 2019 al 31 maggio 2020 - per un valore complessivo pari a 1.135.000 euro per 12 mesi oltre Iva. Attualmente il servizio di smaltimento della frazione umida del rifiuto domestico è affidato in via temporanea, fino...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - L’indiscrezione circola da un po’ negli ambienti di Ama, la municipalizzata che smaltisce i rifiuti capitolini. L’alternativa a Ponte Malmone, sito autorizzato per qualche mese nell’XI municipio romano, è un’area nel distretto tiburtino (Municipio IV), adiacenze Centro agroalimentare, pieno territorio guidoniano. Come riporta oggi Il Messaggero, la scelta ricalcherebbe le indicazioni già contenute nella mappa disegnata dai tecnici della Città metropolitana di Roma per la scelta di luoghi adatti a ospitare discariche. Ponte Malmone era un sito d’emergenza, individuato lo scorso gennaio per trasferire i rifiuti del Tmb Salario andato a fuoco a dicembre. Le autorizzazioni scadono il 30...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - Mille pratiche in giacenza negli uffici comunali del Commercio e Attività produttive. Una paralisi amministrativa che ha ripercussioni gravi sulla tenuta delle imprese. La denuncia è del consigliere comunale di Fratelli d’Italia Giovanna Ammaturo, che in una nota stampa parla di «settore chiave, supporto economico per lo sviluppo, ormai al collasso». Una condizione destinata a peggiorare con l’abbandono del dirigente Domenico Nardi che a marzo ha chiesto al Comune il nulla osta per trasferirsi all’Ente bacino del Tevere, e che già dal 26 aprile e fino al 2 luglio sarà in ferie. «Restano dunque cinque unità lavorative –...

Scopri di piùScopri di più