GUIDONIA - Uno stato di degrado e insicurezza persistente. Dopo 18 mesi di denunce e una ordinanza vicesindacale (Davide Russo) che prevedeva addirittura i daspo giudiziario i Rom sono sempre lì. Non se ne vogliono andare e nessuno li allontana. Giovanna Ammaturo, consigliere di Fratelli d’Italia, impegnata in una battaglia personale e politica per il ripristino di condizioni di vivibilità nella zona, ieri ha effettuato l’ultimo di una serie di sopralluoghi, parlando a  margine di «imbarbarimento morale e civile» al quale l’ amministrazione 5Stelle sta condannando la città. Le aree interessate dal fenomeno sono quelle delle strade di collegamento dalla Tiburtina...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - La bocciatura è sul «piano metodologico» ma non solo. Il collegio dei Revisori valuta la «sparata» di Paola Piseddu contradditoria anche nei contenuti. Insomma, quel parere negativo sui costi dei randagi, costruito dall’architetto su una presunta inadeguatezza della somma stanziata di 454mila euro, per l’organismo interno che soppesa la tenuta dei conti pubblici non ha ragione di essere. E non si capisce quale ne sia stato il fine. Anche se ancora oggi quel vincolo dirigenziale ha preso forma e pesa sull’esito della proposta di delibera del Bilancio di previsione 2019. Se ne discuterà in aula il 24 aprile...

Scopri di piùScopri di più

GUDONIA - Lasciano tutti per motivi personali o sopraggiunti impegni professionali, ormai i post su Facebook del sindaco Michel Barbet sono immagini fotocopia che si susseguono in un tempo in-finito. Agostino Bultrini, l'avvocato esperto amministrativista chiamato 6 mesi fa alla guida del Personale dell'Ente, è solo l'ultimo (e non sarà l'ultimo) ad abbandonare il posto in giunta. Ieri ha rassegnato le dimissioni irrevocabili, apparentemente arrivate all'improvviso, anche se di difficoltà incontrate nelle relazioni coi 5Stelle che ne avrebbero condizionato la decisione si mormorava da un po'. Una scelta insomma definitiva di cui si è appreso stamane, alla vigilia dell'approvazione del Bilancio,...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - Come in una reazione a catena i fatti si susseguono con impressionante velocità, così dopo le «attestazioni» dovute a difesa della corretta procedura amministrativa (leggi qui), Livia Lardo, il segretario generale dell’Ente, caccia la ditta (ecco la risoluzione del contratto). Licenzia in tronco quelli della «società Halley», a suo dire colpevoli di malfunzionamento del sistema, che il 12 aprile scorso ha esposto il Comune e la sua «classe politica» a una brutta figura. Cosi si legge nel provvedimento che risolve in anticipo il contratto, decorrenza 2 maggio. La società sarebbe quindi l'unica responsabile della duplice pubblicazione sull'albo pretorio della stessa delibera...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - Le cose sono andate esattamente come pronosticato,  le «procedure parallele» votate dal consiglio comunale furono «un atto unilaterale» in contrasto con il principio del corretto e imparziale andamento della pubblica amministrazione. La procedura che il Comune di Guidonia Montecelio avrebbe dovuto seguire era invece la chiusura della conferenza dei servizi, iter amministrativo già incardinato negli uffici, dando risposte certe al destino del polo del «Freddo» o piattaforma refrigerata che potrebbe vedere luce nell’area del Car (Centro agroalimentare di Roma).  Con queste motivazioni il Tar del Lazio ha cancellato la delibera di consiglio comunale numero 95 (pubblicata l'8 gennaio del 2018),  invalidandone gli...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA -  Il segretario Livia Lardo «attesta» con un atto (documento comunicato stampa) a sua firma la regolarità della procedura amministrativa. Un chiarimento pubblicato oggi sul sito istituzionale nel quale di notaio dell'Ente attribuisce ogni responsabilità «a un malfunzionamento del software» nel caricamento della ormai famigerata delibera 34. Quella che nell'indirizzo della Giunta doveva aumentare il numero degli ambulanti alla festa di San Giuseppe Artigiano di Villanova e che è stata votata, approvata, quindi pubblicata sull'albo pretorio online in due differenti momenti e con diversi deliberati nell'arco di 48ore (leggi qui). Una prima volta il 12 aprile, la seconda ieri, passando per...

Scopri di piùScopri di più