L'ARRESTO dell'ingegner Flaminia Tosini, tra l'altro  anche vicesindaco e assessore all'Ambiente nel Comune di Vetralla (VT) in quota Partito democratico, è l'ultima tegola ad abbattersi sulla gestione del ciclo dei rifiuti nel Lazio. Un settore patologicamente al centro di scandali, inchieste giudiziarie e disfunzioni burocratiche. Dal 20 febbraio 2021 infatti, la Direzione rifiuti della Regione Lazio è di fatto  «commissariata». Da quando il Tar, Tribunale amministrativo del Lazio, riconoscendo l'inerzia della Regione Lazio a guida zingarettiana, ha nominato un commissario ad acta per individuare una «idonea rete di impianti per lo smaltimento dei rifiuti prodotti nella regione». Il Tar ha...

Scopri di piùScopri di più

I CARABINIERI eseguono una ordinanza di custodia cautelare: corruzione, concussione e turbata libertà le ipotesi formulate dalla Procura di Roma. Lo riporta l'Adnkronos agenzia di stampa. Concussione, corruzione, e turbata libertà di procedimento di scelta del contraente sono le accuse mosse nei confronti di Flaminia Tosini, dirigente della Regione Lazio alla direzione dei Rifiuti, nonché di Valter Lozza, amministratore delle società 'Ngr Srl' e 'Mad Srl', operanti nel settore dello smaltimento rifiuti. I Carabinieri del Comando tutela ambientale hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti di Tosini e Lozza: quest'ultimo ha ottenuto indebitamente l'autorizzazione, per la società 'Ngr Srl', per...

Scopri di piùScopri di più

RIVOGLIONO il M5S delle origini e soprattutto non vogliono stare al governo della Regione Lazio con il Partito democratico. Guardano ai parlamentari di Alternativa c’è di Alessandro Di Battista,  si dicono pronti a strutturarsi sui territori per fare opposizione e non morire moderati. Così, ieri, lunedì 15 marzo, una settantina tra amministratori locali, consiglieri comunali e dei municipi romani, esponenti dei gruppi territoriali del M5Stelle hanno firmato un documento destinato ai portavoce regionali, con cui esprimono totale distanza dalla scelta «mai concordata con i territori» di entrare nella giunta regionale del Lazio con i due assessori, Roberta Lombardi e Valentina Corrado,...

Scopri di piùScopri di più

AVEVA caricato sul gruppo e quindi sulla Regione le spese per l’assistente «attivista»: 2.847 euro di consulenza. Peccato che la «cittadina», anche presente da uditore nella commissioni speciali dei piani di zona di Roma Capitale, di consulente avesse ben poco. In quanto le consulenze si sostanziano con i «pareri» tecnici e non con le comparsate. Così, nel suo primo giorno da neo assessore alla Transizione ecologica della Regione Lazio, l’ex capogruppo del M5S Roberta Lombardi fa parlare di sé sui giornali per faccende collaterali al nuovo incarico. Non solo per la storia dell’attivista stellata assurta al ruolo di consulente/esperta urbanista, ma...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - Se la strada non si rifà il sindaco è contento. È la tarda serata di ieri, venerdì 12 marzo, quando Michel Barbet annuncia con soddisfazione che gli interventi su via dell’Inviolata sono osteggiati dalla Soprintendenza. Che i lavori di ampliamento, asfaltamento a seguito di accurata ripulitura dei quintali di rifiuti abbandonati non si faranno, perché -  scrive il 5stelle - la strada decentemente strappata al degrado in cui da anni versa, agevolerebbe l’avvio del Tmb di prossima apertura. L’approccio di Barbet al problema è quindi capovolto: tendere a non fare ciò che dovrebbe fare per dovere istituzionale. Ma...

Scopri di piùScopri di più

GUIDONIA - L’avvocato di grido, Lorenzo Crisostomi Travaglini, pescato tra gli amministrativisi professionalmente inseriti (anche) nelle faccende legali di Palazzo Chigi, non è bastato a fare il miracolo. Il Tar del Lazio, con ordinanza dell’8 marzo scorso (ordinanza), ha respinto il ricorso presentato dal Comune di Guidonia Montecelio contro il ministero dell’Economia e finanze, il ministero dell’Interno, per l’annullamento, previa sospensione dell’efficacia dell’atto, del decreto interministeriale dell'11 novembre 2011 relativo al «riparto del fondo per il sostegno ai comuni in deficit strutturale». Un provvedimento che aveva escluso il Comune di Guidonia Montecelio dai complessivi 200 milioni (nel triennio 2020-22) stanziati...

Scopri di piùScopri di più